Beta version

“Il sale della vita” si gusta a Cervia

21/03/2017 | Realtà locali
Alla scoperta di tradizioni, sport ed enogastronomia

Città caratterizzata dal forte spirito dinamico e dall’autentica solarità romagnola, Cervia regala al turista il piacere di una vacanza mai scontata, che unisce tutto l’anno divertimento, sport, relax e buona tavola in un territorio unico nel suo genere per panorami e tradizioni.  

La posizione stessa di Cervia sembra studiata appositamente per poter godere di quanto di meglio questo scorcio di Romagna può offrire: da una parte il mare, dall’altra natura, storia e una cucina rinomata in tutto il mondo. Da sempre amata per le sue spiagge, Cervia racconta un’affascinante, e forse non ancora abbastanza conosciuta, storia salinara, un racconto intimamente legato al mare, che qui vive nel cuore delle persone e che nel tempo ha plasmato e modulato la vita della città. In centro, presso il MUSA, il Museo del Sale di Cervia, è possibile scoprire, attraverso un percorso tra reperti, foto d’epoca, antiche imbarcazioni e vecchi utensili questa suggestiva eredità: il primo passo per immergersi davvero nell’atmosfera della città.

Oltre al Museo del Sale, il centro di Cervia offre anche piacevoli percorsi pedonali e ciclabili tra chiese e palazzi storici, dalla centralePiazza Garibaldi a Piazza Pisacane, conosciuta anche come Piazza delle Erbe, un tempo centro nevralgico del commercio; dalle case a schiera degli antichi pescatori al suggestivo Borgo Marina, la darsena con gli antichi magazzini del sale dominata dalla Torre San Michele, antica costruzione di vedetta voluta dal conte Michelangelo Maffei nel 1691. In questa zona si respira ancora la storia marinara della città, mentre si osserva il dolce oscillare delle imbarcazioni ormeggiate nel canale che, superato il faro, sfocia in mare. In centro, tanti i ristoranti dove fermarsi per una sosta e scoprire cosa la tradizionale culinaria di Cervia mette in tavola: tra i piatti più amati da queste parti i passatelli, le cozze, il pesce e naturalmente, la piadina.

La secolare Pineta di 260 ettari di Cervia è uno spettacolare susseguirsi di querce, betulle, pini marittimi e sottobosco della macchia mediterranea: un polmone verde per dedicarsi a corroboranti passeggiate, un po’ di esercizi a corpo libero e al birdwatching. Anche le celebri saline cervesi accolgono numerose specie ornitologiche, da osservare in occasione di una biciclettata o un giro in barca: il panorama offerto da questa zona diventa ancora più affascinante al tramonto, e nelle sere d’estate, quando è possibile scorgere colonie difenicotteri rosa. Le saline, oltre ad essere un paradiso faunistico, offrono anche una delle eccellenze culinarie di Cervia, riconosciuta in tutto il mondo: il sale dolce di Cervia, presidio Slow Food, protagonista di tanti piatti della tradizione ma impiegato anche per realizzare prodotti come prosciutti, formaggi, cioccolato al sale, biscotti e cosmetici. L’acqua e i fanghi delle saline sono tra i più apprezzati per i trattamenti benessere, ed è possibile goderne, attraverso un rilassante percorso termale, trascorrendo qualche ora alleTerme di Cervia, aperte da maggio a novembre.

A Cervia, sport e natura fanno sempre parte della stessa, benefica esperienza: le spiagge sono quelle accoglienti e soleggiate tipiche della Romagna, che a Cervia sono particolarmente sicure e ben organizzate, kids friendly e attrezzate per accogliere al meglio gli ospiti, in particolare gli amanti del beach volley, del windsurf e della canoa. Infine, fiore all’occhiello di questa “città dello sport”, il favoloso Golf Club: 27 buche su un’area di quasi 100 ettari parallela al mare, tra pinete incontaminate e laghi salmastri, a due passi dal centro.