Beta version

Arabba, tra natura e cultura

10/08/2018 | Ambiente
Vacanza ideale per gli amanti della montagna

Quando si pensa a una vacanza in montagna con la famiglia, il primo pensiero è la programmazione delle attività, per cercare di godere appieno di tutte le proposte offerte dalla località e per esplorare il territorio a 360 gradi. E come la mettiamo con il relax e la cultura? Ad Arabba, il paese incastonato nel cuore delle Dolomiti, è possibile non escludere nulla, anche grazie al ricco programma di eventi organizzato dalla località.

Ecco alcune idee che ben si sposano con l’idea di una vacanza tra le montagne patrimonio UNESCO.

Melodie castellane e danze medievali

Tutti i venerdì di agosto, fino al 24, nello splendido scenario del Castello di Andraz andrà in scena Note di Notte, un festival dal sapore medievale divertente e coinvolgente che vedrà esibirsi ogni settimana un diverso gruppo musicale con delle caratteristiche particolari, come l’uso di strumenti antichi, o un repertorio di grandi classici rivisitati in chiave moderna.

Il castello di Andraz, costruito intorno al decimo secolo su uno sperone roccioso, è visitabile tutti i giorni fino al 16 settembre, e dal 24 luglio al 9 settembre è possibile approfittare delle visite guidate, per scoprire tutti segreti di questo luogo suggestivo.

La consapevolezza parte dalla conoscenza

Ma ad Arabba si può arricchire la vacanza con altri momenti dal sapore culturale, ad esempio visitando il museo in ricordo della Grande Guerra, al Passo Pordoi. Aperto fino all’otto di ottobre, prevede un percorso incentrato su quella che era la vita del soldato in trincea o nelle baracche, con ricostruzioni fedeli delle stesse, e permette di rivivere, attraverso immagini e reperti dell’epoca, l’atmosfera di cent’anni fa, la cruda realtà dei luoghi dove l’uomo cercava di sopravvivere, mantenendo un contatto con la realtà al di fuori della trincea scrivendo racconti, diari o lettere ai propri famigliari lontani.

La traversata del Sella con tutta la famiglia

Una vacanza in montagna richiede anche una parte di attività all’aria aperta, ed è per  questo che Arabba offre anche un ricco programma di escursioni organizzate. Tra queste merita una menzione la traversata del Sella. Tutti i giovedì, in compagnia di una guida, sarà possibile affrontare in totale sicurezza, equipaggiati con ottimo materiale tecnico, il percorso che dal Passo Pordoi conduce al Vallon attraverso i meravigliosi panorami del Piz Boè e la Cresta Strenta.

Per tutte le info: info@proguide.it

Per tutti coloro che poi, anche in vacanza, non vogliono rinunciare alla fatica, ecco due proposte di attività da inserire nella settimana di vacanza.

Ferrata delle Trincee

Una delle vie attrezzate più famose della zona. Da Porta Vescovo arriva fino al Passo Padon, attraverso l’impervio campo di battaglia della Prima Guerra mondiale, con molti vecchi appostamenti, trincee e postazioni letteralmente aggrappate alla roccia. La parte più impegnativa si trova sicuramente all’inizio, con la ripida parete, seguita da un suggestivo ponte sospeso e proseguendo con lunghi tratti in cresta con vista sulla Marmolada

Percorso MTB: Panoramic Tour

Dedicato a chi non vuole perdere un centimetro di questi luoghi meravigliosi, il "Panoramic Tour Arabba" è un percorso che dal centro del paese sale grazie alla funivia di Porta Vescovo per poi riscendere seguendo il nuovo Trail Porta Vescovo Rosso in direzione del Passo Pordoi. Da questo punto è possibile utilizzare la Telecabina Fodom per raggiungere la cima del Passo e dirigersi verso l’Ossario ai Caduti di Guerra, un sacrario germanico in memoria dei caduti austro-tedeschi delle due guerre, concedendosi così tra una pedalata e l’altra, anche un tuffo nella storia. 

Proseguendo, il percorso si configura come un magnifico sali-scendi nel quale gustarsi a pieno il Gruppo del Sella fino al Monte Burz, con i suoi paesaggi mozzafiato tra pascoli e i fischi delle marmotte ad accompagnare la gita. Il ritorno ad Arabba è possibile grazie ad una divertente discesa enduro che chiude il giro panoramico esattamente da dove si era partiti.