Beta version

Il cibo del futuro non piace agli italiani

10/01/2018 | Visioni
Indagine di The Fork sul cibo a base di insetti

Avete presente il cibo del futuro, quello visto per la prima volta ad Expo? Potreste non incontrarlo mai sulla vostra tavola. Almeno finché siete in Italia.

ll novel food proprio non convince gli italiani. I piatti e prodotti che derivano da insetti non sarebbero affatto di gradimento degli abitanti del Belpaese, nonostante il regolamento approvato il 25 novembre 2015 che autorizza la produzione e vendita di millepiedi cinesi, tarantole, vermi giganti, bachi da seta, farfalle, cimici d’acqua, scorpioni, scarabei e grilli.

Qualche numero: secondo un sondaggio TheFork (piattaforma per prenotare il ristorante online, sviluppata da Tripadvisor) svolto sui propri utenti lo scorso dicembre, l’81% di noi non prenderebbe nemmeno in considerazione l’ipotesi di mangiare piatti a base di insetti al ristorante, mentre solo il 19% sarebbe invece disposto a provarli.  

E nel resto d’Europa? C’è già chi nel Vecchio Continente fa da apripista. E’ il caso di un ristorante elvetico che offre già delle vere e proprie delicatessen a base di insetti nel corso di un pop-up tour che attraversa il Paese. Staremo a vedere come va a finire.