Beta version

Pavia primo produttore di riso in Europa

09/05/2011 | Realtà locali
“Pavia è una provincia che ha caratteristiche uniche. L'abbondante presenza di acqua nel suo territorio e il profilo morfologico che alterna pianura e colline.

PAVIA – “Pavia è una provincia che ha caratteristiche uniche. L'abbondante presenza di acqua nel suo territorio e il profilo morfologico che alterna pianura e colline ne hanno fatto la prima produttrice di riso in Europa e la prima in Lombardia nella produzione del vino con il 60% dei volumi”.

Lo ha detto l'assessore all'Agricoltura della Lombardia, Giulio De Capitani, agli studenti dell'Istituto “Gallini” di Voghera (Pavia), nell'ottava tappa del tour che sta portando la direzione generale agricoltura della Regione Lombardia nei principali istituti agrari delle 12 province lombarde per affrontare con gli studenti dell'ultimo anno i temi del settore primario lombardo e dei suoi comparti.

Il riso, di cui esistono 19 specie di piante (ma solo l’asiatica Oryza sativa riguarda l’alimentazione umana), è il cereale più consumato nel mondo. La Lomellina, in provincia di Pavia, è la zona di elezione conosciuta a livello internazionale. Le varietà coltivate sono: Arborio, Baldo, Balilla, Carnaroli, Roma, Sant´Andrea, Vialone nano, Volano. Oggi la coltivazione e la raccolta sono totalmente automatizzate, ma fino al 1960 il compito della monda era affidato alle mondine, che operavano per otto ore al giorno con le gambe nell'acqua, la schiena chinata e le continue punture delle zanzare. Celebre il film “Riso amaro”, che ha fotografato impeccabilmente la loro condizione.

I tipi di riso si suddividono in “originari” (o “comuni”) con chicchi piccoli e tondi; “semifini” con chicchi lunghi ed affusolati; “superfini” con chicchi grossi e lunghi. Tra i principali marchi del Pavese ricordiamo il Riso Beretta di Zerbolò (Pavia), il Contiriso di Candia Lomellina (Pavia), il Curti riso di Pavia, il Riso Flora di Valle Lomellina (Pavia), il Riso Gallo di Robbio (Pavia), il Riso Scotti di Pavia.

Autore: Pierino Vago