Beta version

Una catena alimentare giusta per tutti

06/12/2013 | Agricoltura
E' necessario avere pratiche leali in seno alla catena alimentare. A vantaggio di tutti.

In occasione di un importante workshop intitolato "Una catena alimentare giusta per tutti" che si è tenuto ieri al Parlamento europeo, il Copa-Cogeca ha insistito sulla necessità di pratiche leali in seno alla catena alimentare a vantaggio di tutti.

È necessario un sistema di codici volontari di buone prassi sostenuti dalla legislazione al fine di garantire l'anonimato dei ricorrenti e che un mediatore verifichi l'applicazione delle sanzioni, ha dichiarato il Copa-Cogeca. Nel suo intervento durante l'evento, presieduto dall'on. Maria do Ceu Patrão Neves, il vicepresidente del gruppo di lavoro "Catena alimentare" del Copa-Cogeca, Marc Rosiers, ha detto: "Gli agricoltori sono confrontati a crescenti sfide come la volatilità dei mercati e l'ultima cosa di cui abbiamo bisogno sono catene di fornitura sleali. Le pratiche negative impediscono agli agricoltori di investire e innovare. Le pratiche abusive hanno altresì un'incidenza negativa sulla scelta dei consumatori e devono essere affrontate se vogliamo garantire un settore agroalimentare europeo efficace in grado di soddisfare la crescente domanda alimentare mondiale. Vogliamo un sistema che garantisca che i codici di buone prassi siano applicati e rispettati sul campo e che funzionino. Non pensiamo che un sistema volontario da solo lo possa garantire e deve quindi essere appoggiato dalla legislazione. Questo deve includere un sistema di composizione delle liti che offra una garanzia di anonimato dei ricorrenti utile a mettere i fornitori al riparo da misure di ritorsione da parte dei loro clienti. Il sistema deve comportare sanzioni e compensazioni per il ricorrente in caso di mancata applicazione dei principi".