Beta version

Sempre più tecnologia nell'agricoltura

16/09/2016 | Agricoltura
Cresce il digitale nel settore primario, lo afferma Nomisma in uno studio

E’ ormai amore tra agricoltura e tecnologia. Lo certifica Image Line, azienda Hi-Tech italiana specializzata nelle soluzioni digitali per l’agricoltura, e Nomisma, società di studi economici che hanno presentato nel corso di Macfrut 2016 la seconda edizione della ricerca su digital, tecnologia e agricoltura e sul nuovo ruolo del consulente tra innovazione e digital.  

L’indagine è stata condotta nel periodo luglio-agosto 2016 ed ha coinvolto 728 consulenti in agricoltura sull’intero territorio nazionale appartenenti alla community di Image Line oppure raggiunti attraverso i rispettivi ordini professionali.
La rilevazione è stata effettuata utilizzando un questionario di circa 40 domande a prevalente risposta chiusa strutturato in sezioni ognuna delle quali volta ad indagare aspetti di dettagli: tipologie di supporti e strumenti utilizzati, frequenza di accesso ad internet, principali informazioni ricercate, efficacia dei diversi strumenti nel supportare la ricerca di informazioni e le decisioni aziendali, propensione nei confronti delle innovazioni tecnologiche di ultima generazione disponibili per l'agricoltura.

Circa l’82.3% dei consulenti usa quotidianamente internet per la propria attività, percentuale importante anche rispetto al 61% degli agricoltori che hanno accesso alla rete. Viene poi specificato che se il 95.6% di questi ultimi utilizza pagine web e banche dati online a supporto della gestione dell’azienda agricola, la percentuale sale al 99.5% per i consulenti. Le principali informazioni ricercate sono aggiornamenti normativi e di settore (21.4%), seguite da informazioni su tecniche e trattamenti per le colture (18.6%) e su bandi e altre opportunità di finanziamento (18.2%). Il 32.6% del campione dei consulenti, inoltre, usa i social media a supporto dell’attività di consulenza.

Le previsioni meteo, consultate quotidianamente dal 35.2% degli agricoltori e dall’11.9% dei consulenti, sono protagoniste dell’utilizzo di app - su mobile o su web - da parte di entrambi i campioni (82.5% dei consulenti e 80.5% degli agricoltori che usano App e/o web application). Altre appa consultate riguardano aggiornamenti a norme o eventi di settore (36.6%), il riconoscimento di avversità (36.3%) e il quaderno di campagna (27.8%).

Viene segnalato inoltre che lo strumento delle app viene identificato dal 19.9% di tecnici e periti come fondamentale da sviluppare per agevolare gli operatori del settore agricolo del futuro. Seguono il gps applicato all’agricoltura di precisione (17%) e le centraline agro-meteo (15.7%).  I droni sono invece identificati come strumenti da implementare dal 15% dei consulenti, una percentuale più bassa del 43% degli agricoltori. Allo stesso tempo, a livello di contenuti, il 16%del campione vorrebbe trovare su internet/app/social informazioni che consentano di mettere a confronto l’efficacia di diversi prodotti.  Infine i consulenti ritengono la tecnologia un alleato fondamentale per l’aumento delle proprie conoscenze professionali (42.6%), ma trovano che rappresenti anche uno strumento utile per una comunicazione più efficace con i clienti (14.4%) e le istituzioni (11.4%).

Foto credit to wired.it