Beta version

Vino toscano, oltre un miliardo di fatturato

11/02/2019 | Qualità
Dallo studio Ismea, realizzato per conto della Regione Toscana

Il vino è un asset strategico del nostro sistema produttivo, ma in realtà quanto vale? E diviso per zone? Il valore generato della filiera dei vini Dop e Igp toscani è stimato nell’ordine di un miliardo, pari all’ 11% del valore nazionale che è di 8,3 miliardi. A conferma del prestigio del marchio made in Tuscany, la metà della produzione regionale certificata prende la via dei mercati esteri, rappresentando circa il 20% dell’ export di vini Dop fermi nazionali. Si tratta di alcuni dati presentati da Iamea in Fortezza da Basso a Firenze.

Dallo studio Ismea, realizzato per conto della Regione Toscana, risulta che 800.000 ettolitri di Dop della regione, trovano spazio sui mercati internazionali, in un rapporto fino a oggi piuttosto stabile tra paesi extra Ue (57%) e Paesi Ue (43%). Stati Uniti e Germania si confermano le principali destinazioni totalizzando il 50% sia a volume che a valore. Cresce il ruolo dell’estremo Oriente, a partire dalla Cina. Buone performance anche da Russia e Paesi dell’Est come Repubblica Ceca, Ucraina e Polonia. Positivo il trend dell’export verso Brasile, Messico, Australia e Nuova Zelanda. La produzione regionale, che nel 2018 ha raggiunto un totale di 2,4 milioni di ettolitri (+44% sul 2017), vede premiata la qualità rispetto alla quantità.

Le buone performance del vino toscano registrate da Ismea si riflettono anche nella reputazione online. Secondo lo studio, emerge che i contenuti  che trattano i vini toscani crescono ad un ritmo molto sostenuto: +57% nell’ultimo anno. Tassi di crescita interessanti anche per le singole denominazioni, tra queste si segnalano la Vernaccia di San Gimignano Docg (+1200%), il Chianti Classico Docg (+471%),  l’IGP Toscano (+275%) e l’Orcia Doc (+241%).

La soddisfazione generale (sentiment) degli utenti è altissima, pari al 95,5%. Il Rosso di Montalcino vince la sfida dei vini preferiti con un sentiment del 97.1% mentre tra i 10 marchi più citati online il podio se lo aggiudica il Chianti Docg (27% di citazioni), seguito dal Brunello di Montalcino Docg (13%) e il Bolgheri doc (9%).